corso violino roma lezioni

Corso di Violino Roma

PRIMO ANNO CORSO DI VIOLINO

Approccio allo strumento

Partendo dal presupposto che impariamo prima a parlare poi a leggere e scrivere, seguiremo un percorso in cui l’allievo imparerà a suonare e poi a leggere e scrivere la musica. Utilizzeremo le capacità di imitazione, i colori, il computer, riferimenti visivi sulla tastiera.

STEP 1

Descrizione dello strumento e nomenclatura delle parti più importanti.

  1. Posizionamento dello strumento.
  2. Produzione sonora: le corde, distinte per colore, vengono suonate pizzicate con le dita della mano destra per prendere confidenza con il timbro e l’altezza dei suoni.
  3. Presa dell’arco.
  4. Produzione sonora: esecuzione con l’arco della prima cellula ritmica (solo sulle corde vuote senza l’uso della mano sinistra)imparata attraverso l’imitazione dell’insegnante che ne guida la realizzazione; la cellula ritmica viene associata ad un corrispondente ritmo del linguaggio articolato; la cellula ritmica viene immediatamente inserita nel contesto di una frase musicale ed eseguita col supporto di un computer. La frase musicale viene eseguita sulle quattro corde con accompagnamenti diversi eseguiti dal computer.

Lo studente potrà ripetere l’esperienza nell’esercitazione a casa in quanto verrà fornito dei file musicali da caricare sul suo computer.

In questo modo svilupperemo:

  1. Il coordinamento motorio tramite la ripetizione non noiosa dell’esercizio in quanto lo stesso è inserito in brevi frasi musicali;
  2. la capacità di ascoltare il suono prodotto con il proprio strumento ascoltando al contempo l’accompagnamento che farà da riferimento preciso per quanto riguarda il tempo e l’intonazione;
  3. la percezione del senso di una frase musicale.

corso violino roma lezioni

 

STEP 2

Collocazione della mano sinistra e applicazione del primo dito, grazie anche ad un riferimento visivo applicato sulla tastiera.

Verrà utilizzata la stessa formula ritmica dello step precedente, che nel frattempo avrà raggiunto un suo automatismo, così da consentire allo studente la giusta concentrazione sull’elemento da apprendere.

L’esercizio sarà come sempre inserito in un contesto musicale, riprodotto dal computer, creando un’utile comparazione anche per l’intonazione.

Oltre agli esercizi vengono proposti, da adesso in poi, piccoli brani musicali nei più svariati stili (classico, jazz, pop, ecc.) che sviluppano gli elementi tecnici appresi e li coordinano.

STEP 3

Collocazione del terzo dito.

La collocazione del terzo dito prima del secondo consente di arrivare subito ad un miglior posizionamento della mano sinistra.

Stesse modalità degli steps precedenti.

Prime razionalizzazione dell’uso dell’arco: arcate più lunghe, pressione, punto di contatto.

STEP 4

Collocazione del secondo dito.

STEP 5

Le prime scale: re maggiore, sol maggiore, la maggiore.

STEP 6

Applicazione sulle scale dei primi colpi d’arco: metà superiore, metà centrale, ribattuti.

Da questo momento viene assunto in dotazione un libro di esercizi e brani con CD allegato in cui sono contenuti anche esercizi per lo sviluppo dell’orecchio e dell’improvvisazione musicale.

Il testo, in più volumi, contiene una trattazione organica degli elementi tecnici, in tutte le posizioni della tastiera, anche con l’utilizzo di ritmi moderni.

STEP 7

La metà inferiore dell’arco

Il legato

STEP 8

Il quarto dito

STEP 9

Sviluppo del legato